Come e quando effettuare la levigatura del parquet in legno

Home » Come e quando effettuare la levigatura del parquet in legno

16 Febbraio 2021

Nella vita quotidiana di oggi, si può dire che i concetti di “raschiatura” e “molatura” si siano fusi in uno solo. E quando si dice “raschiare” il pavimento in legno, di solito si intende levigare. Tuttavia, con tutta la relativa somiglianza dei loro compiti, entrambi questi metodi sono fondamentalmente diversi l’uno dall’altro.

Levigatura e raschiatura parquet: in cosa si differenziano?

Il compito stesso, come abbiamo detto, ne hanno uno: livellare la superficie (nel nostro caso – parquet o massetto prima della posa). Tuttavia, se durante la levigatura la superficie viene lavorata con abrasivi (ad esempio carta vetrata), durante la levigatura il rivestimento viene levigato raschiando.

Il secondo metodo è più “grezzo”, ormai non viene quasi mai utilizzato e, se si verifica, è solo nella lavorazione di pavimenti in locali industriali o governativi, dove i requisiti di planarità del pavimento non sono così elevati. Pertanto, ulteriormente parleremo principalmente di rettifica.

Quanto spessore dello strato viene rimosso mediante carteggiatura?

Durante la molatura, viene rimosso uno strato di 0,1 mm e quanto esattamente deve essere rimosso dalla tavola viene determinato ogni volta in base alla situazione e dipende dal motivo della molatura.

Nel 95% dei casi, la levigatura e la raschiatura del parquet non vengono eseguite a mano, ma con l’aiuto di macchine, meno o più professionali. Ad esempio, la lavorazione di alta qualità delle zone estreme del pavimento è possibile solo quando si utilizza una smerigliatrice angolare, che, di regola, è disponibile solo per gli specialisti in pavimenti in parquet.

Levigatura parquet: quando e perché è necessaria

Il rivestimento del pavimento viene levigato nei seguenti casi:

Restauro “programmato”

Si fa quando il parquet perde il suo aspetto: il decoro viene cancellato o la tavola laccata perde la sua lucentezza. La regolarità del restauro programmato dipende da come viene utilizzato. A volte sono 5-7 anni. A volte – se è, diciamo, un corridoio o un ufficio – più spesso.

Con un rinnovo pianificato del rivestimento, è sufficiente rimuovere 0,2–0,3 mm di rivestimento.

Restauro in caso di danni locali

A volte il restauro deve essere fatto quando il pavimento è ancora nuovo, ma in alcuni punti è danneggiato – ammaccature o graffi quando oggetti pesanti urti o cadono sul parquet. O quando è apparso un bicchiere di vino. La profondità della molatura in questo caso dipende dal danno stesso.

Si noti che se il parquet è laccato, non importa quanto insignificante possa essere il danno, è necessario cambiare il rivestimento in tutta la stanza, e non solo localmente (a volte è possibile limitare il restauro a un solo pezzo su cui è presente il danno, ma poi si distinguerà dalla fila generale a causa della vernice più fresca).

Questo significa che l’acquisto di un oil board è più redditizio? Non. Ogni rivestimento ha i suoi pro e contro.

Livellamento del pavimento durante l’installazione

Molto spesso, la levigatura durante l’installazione avviene nella fase di preparazione della base (che si tratti di un massetto di cemento o di una base di compensato) per rispettare gli standard tecnologici – la differenza non è superiore a 2 mm. Tuttavia, se le tavole vengono posate senza uno strato di finitura (stiamo parlando, molto spesso, di parquet a blocchi), di norma è necessaria la lucidatura del parquet stesso – nella fase dopo la posa e prima dell’applicazione del rivestimento – se la differenza di altezza delle tavole supera le norme consentite (2 mm).

Quando è possibile e quando non levigare il parquet?

In generale, la molatura non può essere eseguita solo in un caso: se si dispone di una tavola di parquet e viene posata in modo “flottante” – quando le tavole non sono incollate al pavimento, ma sono fissate solo tra loro – bloccando i giunti. Se ciò accade, la levigatrice può danneggiare la tavola.

Allo stesso tempo, se il pannello del parquet è incollato alla base, è consentita la molatura.

Quante volte si può levigare il parquet?

Nel caso di parquet e pannelli tecnici , il  numero di lucidature è limitato dallo spessore dello strato superiore di legno pregiato (solitamente 4 millimetri). Nel caso di una tavola piena, la distanza disponibile per la connessione  maschio-femmina  (di norma, è compresa tra 5 e 7 millimetri).

È importante ricordare che alla fine ci deve essere almeno 1 millimetro di strato di legno pregiato. Ciò significa che sia il parquet che i pannelli massicci possono essere levigati 5 o più volte, a seconda del tipo di parquet o dello spessore degli strati che vengono rimossi durante il processo di levigatura.

Condividi

Sei un professionista? Iscriviti gratuitamente!

Su cercosubito.it ti attendono molte offerte di lavoro!