Come installare uno scaldabagno

Home » Come installare uno scaldabagno

11 Settembre 2020

Gli scaldacqua ad accumulo, che sono più spesso chiamati scaldabagni o boiler, sono molto popolari. A differenza  degli scaldacqua istantanei , gli scaldabagni non sono così esigenti sulla qualità del cablaggio, perché la loro potenza è notevolmente inferiore. Possono essere una fonte di acqua calda per più punti, la temperatura dell’acqua viene mantenuta anche durante un’interruzione di corrente. In generale, i scaldabagni hanno molti vantaggi, anche il prezzo basso e il collegamento relativamente semplice sono importanti. Oggi parleremo di come installare uno scaldabagno.

Se hai bisogno di un idraulico professionista per l’istallazione di uno scaldabagno (boiler) puoi trovarne un esperto, senza nessun costo su www.cercosubito.it

Luogo di installazione della caldaia

Le caldaie di piccolo volume (fino a 150 litri) sono solitamente montate a parete, mentre i modelli più massicci prevedono il montaggio a pavimento. Ma il peso di una caldaia da 150 litri difficilmente può essere definito insignificante, quindi la qualità e le dimensioni degli elementi di fissaggio, nonché la resistenza del muro, devono essere prese il più seriamente possibile. Una caldaia con un volume fino a 30 litri può essere appesa al muro e, a partire da scaldacqua da 50 litri, l’installazione deve essere eseguita su una parete portante. La caldaia può essere appesa anche in una nicchia, ma assicurarsi che l’apparecchio abbia le dimensioni adeguate.

Non dimenticare la comodità di fornire tutte le comunicazioni. È auspicabile che l’alimentazione di acqua fredda alla caldaia sia nelle immediate vicinanze del dispositivo, è bene quando c’è accesso al sistema fognario nelle vicinanze, poiché sarà necessario prendere il tubo lì dalla valvola di sicurezza, che molto spesso scava durante il riscaldamento dell’acqua.

L’opzione ideale può essere considerata quando tutte le comunicazioni necessarie vengono portate nel posto giusto durante il processo di riparazione e quindi nascoste all’interno delle pareti. In caso di installazione nascosta non utilizzare in nessun caso tubi metallo-plastica , i cui raccordi tendono a colare nel tempo.

 Appendi la caldaia al muro

La distanza tra la caldaia e il soffitto dovrebbe essere di circa 10-15 cm, se non diversamente specificato nelle istruzioni. Questo spazio consente di appendere il serbatoio a viti a gancio per carichi pesanti . Gli elementi di fissaggio possono essere forniti nel kit, ma a volte è necessario acquistarli separatamente. La disposizione del dispositivo è indicata nelle istruzioni, alcune caldaie sono appese a 2 ganci, altre – su 4. Praticare dei fori sotto i tasselli con un perforatore , se necessario, perforare le piastrelle con un trapano speciale  . Installare la ferramenta e montare la caldaia alla parete.

 Collegare la caldaia alla rete idrica

Non dimenticare di chiudere l’acqua prima di iniziare il lavoro. Si consiglia di fornire acqua fredda alla caldaia tramite tubi in PVC, o rame, si possono utilizzare tubi metallo-plastica se i tubi non saranno nascosti nel muro. Il metodo per attingere a un approvvigionamento idrico esistente dipende dal materiale dei tubi principali e incorporati, solitamente a questi scopi vengono utilizzati tee e una varietà di raccordi. Puoi trovare tutto ciò di cui hai bisogno fornendo lo schema di collegamento al consulente del negozio New Line. All’uscita dalla rete idrica esistente, è necessario installare un rubinetto, con il quale è possibile interrompere l’approvvigionamento idrico al serbatoio. Questo aiuterà con l’installazione e nel caso in cui sia necessario rimuovere la caldaia per riparazioni o manutenzione. Se la qualità dell’acqua è scarsa, è possibile installare un filtro che prolungherà la vita della caldaia. Prima di immettere acqua fredda nella caldaia, è imperativo installare una valvola di sicurezza, che rilascerà parte dell’acqua se viene superata la pressione di esercizio. Per evitare che l’acqua scorra sul pavimento, mettere un tubo di silicone sull’uscita della valvola e portarlo nella fogna o nella cassetta del WC. Collegare il tubo dell’acqua calda all’uscita della caldaia contrassegnata in rosso.

Aprire il rubinetto dell’acqua calda e poi il rubinetto di ingresso dell’acqua fredda. Quando il serbatoio è pieno, l’acqua scorrerà dal miscelatore.

 Collegare la caldaia alla rete elettrica

Per collegare la caldaia è necessario prevedere una presa separata , meglio ancora se si estrae il cavo dal quadro elettrico. I produttori richiedono che le caldaie debbano essere messe a terra, non dovresti ignorarlo. La sezione trasversale delle anime dei cavi deve essere di almeno 1,5 millimetri quadrati o migliore di 2,5. Utilizzare un interruttore da 16 amp per la protezione. Accendere la caldaia solo con il serbatoio pieno.

Lavorare con l’elettricità e l’acqua richiede determinate abilità e strumenti. Se dubiti delle tue capacità, è meglio affidare l’installazione della caldaia a professionisti.

Condividi

Sei un professionista? Iscriviti gratuitamente!

Su cercosubito.it ti attendono molte offerte di lavoro!