Come lavorare con la mente; 3 segreti dell’alta produttività

Home » Come lavorare con la mente; 3 segreti dell’alta produttività

2 Luglio 2020

Alcuni esperti attribuiscono la produttività alle capacità innate delle persone e al grado in cui sono dotate. Altri non sono d’accordo con questo pensiero. Sostengono che lo zelo è molto più importante del talento. Molti sono convinti che il duro lavoro sia la chiave del successo.

Tuttavia, queste teorie non spiegano le differenze di produttività tra persone altrettanto talentuose e laboriose. Apparentemente, il segreto della produttività sta in qualcos’altro. Che cosa esattamente? Per scoprirlo, un professore del Dipartimento di Management dell’Università della California, Morten Hansen, ha condotto uno studio unico al quale hanno partecipato 5.000 persone.

Di conseguenza, è riuscito a identificare sette pratiche di lavoro produttivo “intelligente” che tutti possono applicare. Morten Hansen parla in dettaglio dei risultati dello studio nel libro “Il maestro del suo mestiere”. Condividiamo diverse idee da esso.

Meno sì meglio

Gli esperti di produttività affermano che le persone possono lavorare meglio solo quando selezionano alcune attività e dicono di no a tutti gli altri. Pura verità. Ma questa è solo metà dell’equazione. Ne esiste un secondo: devi essere molto ossessionato da ciò che scegli.

Molte persone limitano il proprio lavoro a diverse responsabilità, ma non ne diventano ossessionate. Fanno solo meno. E questo non è vero. Solo un’enorme dedizione nello svolgimento di compiti prioritari porta a risultati eccezionali.

Il principio di “meno è meglio” implica due azioni. Il primo è selezionare alcune attività chiave. Il secondo è quello di concentrarsi su di loro e dare tutto al 100%. Se si desidera applicare questo metodo nel proprio lavoro, utilizzare i seguenti suggerimenti.

1. Taglia tutto inutile

Certo, alcune responsabilità lavorative sono rigorosamente fissate ed è impossibile rifiutarle, ma puoi sceglierle o modificarle tra le altre.

Questo principio non richiede di ridurre tutto il lavoro a un compito. Significa che devi rifiutare tutte le cose non necessarie (indicatori, obiettivi, passaggi e così via) e allo stesso tempo conservare tutto ciò di cui hai bisogno.

Non è necessario accumulare altro lavoro per avere successo.

Considera come applicare questo metodo a specifiche attività lavorative. Ad esempio, se hai l’abitudine di fare presentazioni molto lunghe e dettagliate, ora prova a limitarti ad alcune diapositive significative.

Semplifica e restringi l’ambito del tuo lavoro. Quando si tratta di obiettivi, clienti, indicatori, procedure, priorità, attività, lettere, riunioni, chiamate, il numero di firme necessarie per prendere una decisione, passa da più grande a più piccolo.

2. Ottieni la massima concentrazione

Gli studi dimostrano che il passaggio rapido tra due attività, ad esempio il tentativo di leggere la posta e ascoltare contemporaneamente il rapporto di un collega, riduce l’efficienza in entrambi i casi.

Il multitasking è nemico della produttività, quindi cerca di concentrarti solo su una cosa alla volta.

Spesso la profonda concentrazione è influenzata da varie tentazioni (ad esempio, social network, posta, conversazioni dei colleghi). Le persone più produttive sono appositamente preparate in modo che nulla le distolga dal lavoro. Qualcuno viene in ufficio la mattina presto o resta lì la sera tardi. Altri cercano una sala riunioni tranquilla, indossano le cuffie per alcune ore o mettono via il telefono. Esistono molti modi per ridurre le interferenze. Fallo in anticipo, in modo che in seguito, quando durante il lavoro c’è la tentazione di distrarti, semplicemente non ci riuscirai.

3. Impara a dire di no al tuo capo

Spiega al tuo capo che l’aggiunta di elementi all’elenco delle cose da fare peggiorerà la produttività. Il percorso verso la padronanza non è quello di soddisfare costantemente la leadership. Abbandona l’eccesso e riesce in diverse aree selezionate.

Fai capire al tuo capo che non stai cercando di imbrogliare. Volete stabilire le priorità e dedicare tutti i vostri sforzi a un lavoro eccellente in diverse aree chiave. Il tuo capo dovrebbe apprezzarlo.

4. Sii ossessionato dal lavoro di qualità

L’ossessione si manifesta in varie forme. Un agente immobiliare può trascorrere un’ora sfogliando un centinaio di foto della casa che sta mettendo in vendita, scegliendo quella ideale che merita la pubblicazione sul sito web dell’azienda. Un’insegnante di scuola elementare, preparandosi per le lezioni per domani, può ripetere il piano di lezioni, sebbene abbia insegnato per vent’anni.

Puntare alla qualità eccellente: non importa se si traduce in un’interfaccia intuitiva per uno smartphone o in un servizio impeccabile in un negozio. Se vuoi raggiungere la padronanza, devi fare sforzi frenetici per garantire che il lavoro sia svolto nel miglior modo possibile.

Come aumentare il valore del lavoro

Il metodo “fare di meno è meglio” ci pone una domanda molto importante a cui non abbiamo ancora risposto: su cosa dovremmo concentrarci? Dedicare tutte le forze al lavoro sbagliato è la strada verso il fallimento.

Le persone spesso si concentrano su compiti che portano valore insignificante o zero. Soddisfa ciecamente i punti della descrizione del lavoro, senza pensare al perché sia necessario. Scrivono rapporti che nessuno legge. Confondono il numero di riunioni, gruppi speciali, comitati, chiamate, visite, viaggi d’affari e miglia aeree con i risultati, sebbene in realtà queste azioni potrebbero non essere utili.

Per evitare questo errore, quando si pianifica il lavoro, è necessario iniziare non con un obiettivo, ma con un valore. Chiediti: chi beneficia davvero delle tue diverse attività lavorative?

Il valore del lavoro è determinato da quanto sia utile per gli altri: colleghi, clienti, consumatori, fornitori, società, dipartimento, ufficio (o persino la società nel suo insieme).

Diamo un’occhiata a un paio di idee che ti aiuteranno a ripensare il tuo lavoro e concentrarci su azioni che massimizzano il valore.

1. Cerca “dolore”

I fondatori di Google Sergey Brin e Larry Page hanno cercato di salvare gli utenti da una profonda insoddisfazione per il doloroso processo di ricerca su Internet. I fondatori di PayPal hanno contribuito a facilitare il processo di trasferimento di denaro a estranei su Internet.

E quali punti dolenti puoi trovare sul posto di lavoro? Cosa si lamentano ancora e ancora, ancora e ancora? A causa di ciò che diventano confusi e infastiditi, cosa dicono “fa schifo”? Dove si trova di solito il processo bloccato?

Come dice il proverbio della Silicon Valley, “L’aspirina è più facile da vendere delle vitamine”. Puoi creare un valore incredibile nel tuo lavoro se scopri i punti dolenti e aiuti i colleghi, i clienti e i fornitori a curarli. Più evidente è il disagio che le persone provano e più ne soffre, più è importante trovare una cura.

2. Poni domande “stupide”

A volte non possiamo permettere una buona idea perché siamo impantanati nelle convenzioni. Notiamo solo quelle pratiche, processi o metodi a cui tutti ricorrono. Ma gran parte di ciò che facciamo oggi sul lavoro è nato agli albori della rivoluzione industriale ed è già obsoleto.

Per una revisione efficace del lavoro, dobbiamo abbandonare le solite idee e chiederci perché le cose sono ciò che sono e se c’è un modo per renderle migliori.

Per fare questo, inizia a porsi domande “stupide”. Perché i visitatori dell’hotel devono registrarsi presso la receptionist? Perché abbiamo bisogno di presentazioni con tutte queste diapositive? Perché abbiamo incontri il lunedì? Perché dobbiamo inviare le note spese? Perché stiamo preparando le revisioni annuali del personale?

Dopo esserti abituato a porre tali domande, chiediti: “Cosa succede se? ..” Cosa succede se le presentazioni durante le riunioni vengono vietate e sostituite con domande per la discussione?

La combinazione della domanda “stravagante” e la frase “what if” ti aiuta a trovare idee molto interessanti e aumentare la produttività.

Passione + significato

Relatori motivazionali, guru della crescita personale, imprenditori di successo parlano così tanto della passione che si inizia a credere: l’amore per il proprio lavoro è l’unica qualità necessaria per le alte prestazioni. In effetti, c’è un secondo importante ingrediente che viene spesso dimenticato: un senso del significato.

Chiarisci cosa si intende per passione e significato. Relazionarsi con il lavoro con passione significa ricevere energia da esso. Per alcuni, la passione è una calma sensazione di soddisfazione e grazia. Per altri, questa è una forte sensazione di gioia, una specie di “Dai, brucia!”.

Senso può significare sia un contributo al benessere della società sia una creazione di valore per la tua organizzazione. Se non salvi i bambini in Africa e non aiuti i senzatetto, ciò non significa che il tuo lavoro non abbia senso.

La passione è “fare ciò che ami” e il significato è “fare ciò che avvantaggia gli altri”.

Un’analisi dei dati ottenuti attraverso il sondaggio ha mostrato che le persone che combinano passione e significato lavorano in media molto meglio di quelle a cui manca l’una o l’altra.

Se ti sembra di svolgere un’attività noiosa e inutile, non affrettarti a lasciare la tua azienda. Esistono almeno tre modi in cui puoi caricare il tuo lavoro con passione e significato.

1. Cerca un nuovo ruolo

Ricorda cosa ti piace di più del tuo lavoro. Quali compiti ti ispirano e quali ti piacerebbe eliminare? Supponi di non essere attratto dalla gestione delle persone, ma adori comunicare con i clienti o sviluppare nuove direzioni.

La tua azienda ha una posizione che ti permetterà di fare esattamente ciò che ami? O forse vale la pena sviluppare e presentare alle autorità un nuovo progetto, proponendosi come curatore?

2. Ottieni energia da varie fonti

Trovare il giusto “ruolo” non è l’unico modo per trovare passione nel lavoro. Dopotutto, la soddisfazione può portare non solo compiti specifici. Anche se non sei entusiasta dei tuoi doveri, puoi sempre rivolgerti ad altre fonti di gioia e ispirazione.

Molti godono dei risultati; delizia dalla realizzazione del potenziale creativo; entusiasmo generato dalla comunicazione con colleghi e clienti; la gioia di imparare cose nuove.

Pensa a come puoi aumentare la tua passione sul lavoro in una di queste aree. Cerca un problema che richiede un approccio creativo. Partecipa a un seminario di formazione per sviluppare una nuova abilità. Chiedi al tuo capo di darti la sfida di metterti alla prova. Trova l’opportunità di trascorrere più tempo a lavorare con le persone che ami e ammiri.

3. Aggiungi significatività

Morten Hansen identifica tre modi per rendere il lavoro significativo. Li presenta sotto forma di piramide (la sua caratteristica è che non puoi costruire un nuovo livello fino a quando non hai quello sotto).

Vantaggio (senza danno)

Come già sapete, quando esaminate il lavoro, dovete pensare alla creazione di valore, a come beneficiare gli altri, come la vostra azienda, colleghi, fornitori o consumatori.

Ma quando scegli come creare valore, fai attenzione. Se aiuti un gruppo e allo stesso tempo danneggi l’altro (clienti, fornitori, dipendenti, la società nel suo insieme), in tal modo elimini tutti i benefici e privi il lavoro del significato.

Crea un senso personale

Se crei già un valore significativo e non danneggi il resto del mondo, puoi salire ai livelli più alti della piramide, dando all’opera un significato personale.

Mentre una persona beneficia del suo lavoro, considerare che è significativo è una questione di sua scelta personale.

Due persone possono fare la stessa cosa, ma solo una considererà significativo il loro lavoro. Ad esempio, in uno studio del 2009, alcuni scienziati hanno scoperto che alcuni lavoratori dello zoo vedono la pulizia delle cellule come un lavoro sporco e ingrato, mentre altri considerano la cura e la cura degli animali come il loro dovere morale.

  • Cerca un’importante missione sociale

Ove possibile, impegnarsi per compiti e incarichi che apportano un contributo sociale, anche se piccolo. Spiega alla tua direzione in che modo un’azienda può trarre vantaggio dalla comunità se perde questo momento. E se sei tu stesso il leader, dai alla tua squadra la possibilità di fare qualcosa per il mondo.

Certo, non in ogni lavoro è possibile trovare una missione sociale esplicita. In questo caso, concentrati sugli altri livelli della piramide. Cerca di stabilire degli obiettivi attraverso i quali creerai più valore e che ti sembreranno significativi per te personalmente.

www.cercosubito.it

Condividi

Sei un professionista? Iscriviti gratuitamente!

Su cercosubito.it ti attendono molte offerte di lavoro!